LABEONE (ca 43 a.C. - ca 22 d.C.)


Il giurista Marco Antistio Labeone nacque presso Benevento prima del 43 a.C.. Di fede repubblicana e di filosofia stoica, fu avverso al regime di Ottaviano. Fond˛ una scuola di diritto, che fu chiamata proculiana dal nome di un suo discepolo di nome Proculo, ed elabor˛ numerose dottrine giuridiche.

La sua scuola sosteneva, in contrasto con le correnti giurisprudenziali imperiali, una interpretazione delle leggi scritte rigidamente fedele alle tradizioni. A Labeone erano attribuite circa 400 opere, tra le quali "Assiomi giuridici", "Il diritto pontificio", commenti alle Leggi delle XII Tavole, agli editti dei pretori; epistole.

Labeone, permeato com'era di stoicismo, fu un filosofo del diritto e fu famoso per la sua assoluta indipendenza ad Augusto, al punto da essere considerato un nuovo Catone e la sua libertÓá incorrotta (Incorrupta libertas, riporta Tacito negli Annali) divenne un mito.
Labeone fu molto stimato dai contemporanei, anche avversari, e molto citato dai maggiori giuristi classici.

Morý prima del 22 d.C..

A lui Augusto cerc˛ di contrapporre, favorendolo, Gaio Ateio Capitone, un giurista assai meno rigido, che fond˛ un'altrettanto famosa scuola di diritto, appunto in antitesi a quella di Labeone.


Torna a Giulio Cesare oppure vai a Laberio


editus ab